05 agosto 2016

100% made in Puglia

Quella notte Rebecca proprio non riusciva a chiudere occhio. Forse la sua solita difficoltà a dormire in aereo, oppure l’euforia per la presentazione che avrebbe dovuto fare il giorno dopo, cui sarebbe seguito il grande annuncio. Eh sì, finalmente Rebecca stava per essere nominata Presidente della Beauty Corporation, azienda leader a livello globale nel settore della bellezza.

Era la prima volta che una donna occupava un posto nei vertici aziendali e, per di più, la donna in questione non era americana ma italiana purosangue, 100% made in Puglia! Quando aveva lasciato la sua amata Monopoli, per andare a studiare in una delle più prestigiose università americane, si era ripromessa che sarebbe tornata a casa subito dopo la laurea, perché proprio non sopportava l’idea di vivere lontano dalla Puglia. E quella promessa l’aveva mantenuta, almeno all’inizio!

Aveva comprato il biglietto di ritorno per l’Italia subito dopo aver saputo la data del “Graduation day”, il celebre giorno della laurea americana. Il viaggio di ritorno da Cambridge era stato molto lungo ma le aveva dato il tempo per pensare al suo progetto e a come farlo capire ai suoi genitori, quegli stessi genitori che tanto l’amavano e l’avevano spinta ad andare a studiare ad Harvard per avere un futuro brillante, con tutti i sacrifici economici che aveva comportato. Ma Rebecca lo sapeva e non aveva perso tempo: si era laureata a ventidue anni con il massimo dei voti in Economia e aveva anche lavorato durante tutto il corso di studi. Era stata assunta come cameriera in un piccolo ristorante italiano gestito da Rocco, un simpatico abruzzese con una grande passione per la pasta, tanto da aver chiamato il ristorante Mister Pasta. 

In aeroporto a Bari c’era il suo amatissimo papà ad aspettarla mentre la mamma, come da tradizione, era rimasta a casa per preparare la cena preferita di Rebecca: spaghetti con i ricci e zuppa di pesce. Una cena meravigliosa quella sera! La mamma di Rebecca aveva apparecchiato la tavola in giardino, quella sotto la pergola, come solo lei sapeva: candele, fiori, segnaposto, quelle bellissime ciotole decorate a mano da lei stessa, tutto era perfetto. E poi una bellissima sorpresa, nascoste in giardino c’erano tutte le sue migliori amiche! Rebecca aveva gli occhi pieni di lacrime per la gioia e l’emozione, tornare a casa dopo quattro anni e trovare tanto amore intorno a sé le aveva riempito il cuore e colmato quell’assenza che nel tempo le era diventata così familiare, la nostalgia per casa, per la Puglia, per i suoi affetti! E poi la pasta, la buonissima pasta pugliese, quanto le era mancata? Il povero Rocco aveva provato a prepararle un buon piatto di pasta alla pugliese, una sera le aveva fatto trovare le orecchiette con le cime di rapa, ma a Rebecca proprio non piaceva quella pasta che usava Rocco, la pasta degli americani!
 

Risate, musica, chiacchiere, buon cibo italiano (finalmente!) e tanto amore erano gli ingredienti giusti per parlare a tutti della sua idea, di quel che voleva fare da grande e cosi, davanti ad un ottimo bicchiere di Salice Salentino, Rebecca si schiarì la voce e disse che aveva un annuncio importante da fare. Avrebbe fondato un’azienda tutta sua che produceva cosmetici 100% made in Italy, anzi made in Puglia. Una corale e fragrante risata seguì l’annuncio e la reazione non fu esattamente quella che Rebecca si aspettava! Lei non stava scherzando, aveva precisamente in mente quel che doveva fare e come farlo. Quella bellissima ragazza mora, con i lunghi capelli neri e le infinite gambe aveva già intrapreso il suo viaggio verso il successo: il marchio era stato registrato in Italia, in America e in Giappone con l’aiuto di alcuni suoi compagni di studio e aveva anche trovato un investitore disposto a finanziare il progetto. Inoltre la sede della Passion inc sarebbe stata proprio lì vicino e una mappa topografica di un terreno con tanto di contratto ne attestava la veridicità.

Quando raccontò tutta la storia, le persone lì al tavolo rimasero in silenzio, senza parole. Ma non era un silenzio di disapprovazione, anzi! Lo stupore e la meraviglia e l’ammirazione per quella ragazzina che era diventata improvvisamente donna aveva lasciato tutti senza fiato.

Passion inc fu un grande successo e si fece notare subito sul mercato tanto che otto anni dopo Rebecca fu contattata dalla Beauty Corporation per un’acquisizione, a cui non riuscì a dire di no ottenendo però un accordo secondo il quale la sede principale doveva comunque restare in Puglia.

Ed eccola ora, dodici anni dopo, a New York, quasi presidente della Beauty Corporation a soli 35 anni. Orgogliosa di sé stessa e delle sue radici, consapevole di essere un modello per molte donne e ragazze ma con un sentimento che di nuovo l’accompagnava… la nostalgia di casa. Per fortuna però adesso un buon piatto di pasta poteva mangiarlo anche in America, perché la sua mamma l’aveva accompagnata e in valigia aveva messo il “necessario”, gli spaghetti!