Spaghetti alla chitarra Granoro con cozze nere

  • Difficoltà
    Facile Medio Difficile Per professionisti
  • Tempo di preparazione
    40 MIN
  • Tempo di cottura
    10 MIN
  • Primi Piatti
  • Consigliato per tutte le stagioni

Ingredienti per 4 persone

  • 280g di Spaghetti alla Chitarra Granoro
  • 40 mitili ben puliti
  • 200g di cimette di rape o broccoli
  • 2 cucchiai di olio extra vergine d’oliva DOP Granoro
  • 1 spicchio di aglio intero
  • Pomodori regina appesi
  • sale
  • pepe

Antonella Ricci con suo marito Vinod,  coppia sia nella vita che nel lavoro, sono oggi  testimonial della pasta Granoro. Famosi chef stellati della Guida Michelin che incarnano il passato e il futuro di una cucina che propone il meglio della gastronomia pugliese arricchita dalle profumate influenze mauriziane di Vinod .

Nel loro ristorante il "Fornello da Ricci", immerso nel verde tra i trulli della Valle d’Itria Antonella è l'anima creativa.

Nella loro cucina  multiculturale, la cucina tipica pugliese è rivisitata  in chiave contemporanea e porta in tavola la stagionalità dei prodotti, verdure fresche  e materie prime genuine. Nel loro  menu non manca la pasta Granoro dagli Spaghetti alla Chitarra, ai Paccheri, alla Casareccia  presentata con sapienza ed equilibrio in piatti  che sono un vero trionfo di colori e di sapori.

In questa sezione troverete alcune ricette eseguite da Antonella Ricci e suo marito Vinod in cui protagonista indiscussa  è la pasta Granoro.

Preparazione

  • 1

    Cuocere le cozze e poi sgusciarle e conservando l’acqua di cottura filtrata.

  • 2

    In una padella capiente scaldare poco olio extra vergine d’oliva con l’aglio appena schiacciato, aggiungere i pomodorini e subito dopo unire i mitilli e le cimette di rape cotte per 2 minuti in acqua bollente salata.

  • 3

    Nella stessa acqua cuocere gli spaghetti alla chitarra Granoro scolarli al dente e trasferirli nella padella, aggiungere il liquido filtrato ed ultimare la cottura saltando la pasta.

  • 4

    Servire fumante in 4 piatti fondi caldi.